TERRORE IN FRANCIA Marsiglia, sgozza una 17enne e uccide a pugnalate una 20enne in stazione: “Urlava Allah Akbar”. L’Isis rivendica

307

Marsiglia, sgozza una 17enne e uccide a pugnalate una 20enne in stazione: "Urlava Allah Akbar". L'Isis rivendica

Tre persone sono morte a Marsiglia durante un attacco armato alla stazione di Saint-Charles. Si tratta dell’attentatore, ucciso dai militari dell’operazione Sentinelle, e di due donne accoltellate.

In particolare, secondo Bfm-tv, una è stata sgozzata e l’altra pugnalata. I testimoni raccontano di aver sentito l’aggressore gridare “Allah u Akbar” prima di essere ucciso.

LE DUE RAGAZZE UCCISE AVEVANO 17 E 20 ANNI Le due vittime dell’assalitore della stazione di Saint-Charles a Marsiglia avevano 17 e 20 anni, secondo quanto si apprende da fonti del sindacato di polizia Unsa-Police. Le due ragazze sarebbero state una sgozzata, l’altra pugnalata al torace.

La polizia conferma anche che l’aggressore ha gridato «Allah u akbar» prima di colpire le sue vittime, come riferito in precedenza dai testimoni.

Visualizza l'immagine su Twitter

Su Twitter la polizia ha avvisato che è in corso un’operazione di sicurezza ed esorta ad evitare la zona, si legge sul sito di Le Figaro.

Visualizza l'immagine su Twitter

ISIS RIVENDICA ATTENTATO L’Isis ha rivendicato l’attacco a Marsiglia costato la vita a due ragazze, affermando che l’assalitore è uno dei suoi «soldati». La rivendicazione è arrivata attraverso il suo organo di propaganda, Amaq. Lo rende noto il Site.