Progetti di Vita Indipendente: i finanziamenti della Regione per creare l’indipendenza dei disabili

731

disabilità

Proseguirà a settembre, con un nuovo avviso pubblico, la sperimentazione dei Progetti di Vita Indipendente. Si tratta di progetti creati per l’autonomia e l’inclusione sociale di giovani e adulti con disabilità motorie. L’assessore al Welfare della Regione Puglia, Salvatore Negro, ha incontrato in questi giorni alcuni rappresentanti delle Associazioni per rassicurare sull’impegno che la Regione ha nei confronti di queste persone: “La Puglia è stata una delle Regioni italiane – ha affermato Negro – che sin dall’inizio, tre anni fa, ha scelto di investire risorse significativamente su questa politica di inclusione sociale attiva molto speciale, perché rivolta a persone con disabilità motoria e perché scommette sulle risorse e sulla tenacia delle stesse persone nella ricerca di opportunità di autonomia e indipendenza. Quindi non solo andremo avanti con i ProVi ma siamo tutti impegnati, con la struttura tecnica dell’Assessorato e con la partecipazione attiva delle associazioni più rappresentative dei beneficiari, nel miglioramento della sperimentazione”.

A settembre verrà dunque pubblicato il nuovo avviso pubblico per selezionare i ProVI già attivi  e per la selezione di nuovi beneficiari di ProVI.

La Puglia ha fino ad oggi finanziato 237 ProVI a giovani e adulti il cui progetto di vita indipendente è connesso al completamento degli studi universitari, alla frequenza di un master, alla partecipazione a un tirocinio lavorativo o formativo, al conseguimento di una qualifica professionale, al supporto delle proprie responsabilità genitoriali, alla animazione di una organizzazione non profit e tanto altro ancora.

Ogni ProVI può ottenere contributi annuali fino ad Euro 15.000 di cui fino al 20% per l’acquisto di ausili di domotica sociale e la rimanente quota per le spese di mobilità e per l’assistente personale.

.