Natale: pc e tablet a rischio hacker. Ma il pericolo è anche in droni e dispositivi per la domotica

456

Computer, smartphone e tablet sono i regali a maggior rischio hacker che possono finire sotto l’albero di Natale, ma non sono gli unici: anche i lettori multimediali, i dispositivi per la domotica e i droni rappresentano una fonte di pericolo. A dirlo è Intel Security, che ha reso noti i risultati del secondo studio annuale “McAfee Most Hackable Holiday Gifts”.

Stando alla ricerca, condotta in diversi Paesi tra cui l’Italia, l’80% dei consumatori farà acquisti online per le festività, una percentuale che sale all’86% nel Belpaese, con quasi i due terzi del campione che prevedono l’acquisto di uno smartphone o di un tablet.

Tra gli italiani è abbastanza presente, anche se meno della media globale, la consapevolezza delle vulnerabilità dei dispositivi connessi più vecchi, come pc portatili (43%), telefoni cellulari (50%) e tablet (63%). Non ci si rende però conto dei rischi dei nuovi dispositivi connessi, come i droni (26%), i giochi per bambini (32%), e i device per la realtà virtuale (27%).

Sebbene tre italiani su quattro (75%) ritengano che sia molto importante proteggere la propria identità online e i dispositivi connessi a internet, il 36% non è sicuro di prendere le misure di sicurezza adeguate per farlo. Sempre in base alla ricerca, il 90% dichiara che inizierà a usare i device connessi non appena scartati, e il 58% intende prendere le appropriate misure di sicurezza.