Lecce. Violenza sessuale, minacce e botte anche in presenza dei figli minori: compagno della vittima in carcere

222

Violenza sessuale, minacce e botte anche in presenza dei figli minori: compagno della vittima in carcere

LECCE – Minacce di morte, ingiurie e maltrattamenti di ogni genere. Persino violenze sessuali. Alla fine non ce l’ha fatta più a sostenere il peso dell’incubo che viveva quotidianamente in casa, un’escalation di violenza di cui erano testimoni anche i suoi figli minorenni. Così si è rivolta alla polizia per denunciare il suo aguzzino, nonché suo compagno, che ora, a tre settimane di distanza, è finito in carcere.

L’uomo, infatti, è stato tratto in arresto dagli agenti della squadra mobile di Lecce con le accuse di violenza sessuale, lesioni personali e maltrattamenti in famiglia.La vittima, terrorizzata dai comportamenti sempre più violenti e minacciosi del compagno, ha raccontato agli agenti la sua vicenda familiare che non coinvolgeva solo se stessa ma anche i figli minorenni, presi di mira di continuo.

Mesi e mesi di prevaricazioni, fatti non solo di ingiurie, vessazioni, violenze e minacce ma anche di privazioni dei beni di prima necessità. Dopo aver sporto denuncia, vista la situazione delicata e la necessità di porre fine ai costanti maltrattamenti, la donna è stata trasferita in una struttura protetta insieme ai figli.

L’uomo, invece, a distanza di tre settimane, è terminato in manette. Nelle scorse ore gli agenti l’hanno condotto nel carcere di Lecce, come disposto dal pm di turno alla luce dei risultati dell’attività investigativa.