Lecce, restyling a Sant’Anna. La chiesa rinasce dalle proprie ceneri.

812

Dopo la restaurazione del Convitto Palmieri, del teatro Apollo e delle mura urbiche, un altro ‘tesoro’ della città barocca risorge dalle proprie ceneri.

Si tratta della chiesa adiacente all’ex Conservatorio Sant’Anna a Lecce, che subirà ben presto un lavoro di restyling, volto al recupero dell’immobile e alla sua fruizione.

Il progetto di valorizzazione è stato voluto dall’assessorato regionale all’Industria turistica e culturale nella persona di Loredana Capone, riuscita a reinvestire in Sant’Anna i soldi, mai spesi, dell’accordo Quadro “Beni architettonici e artistici”.

Per la Capone, l’obiettivo da perseguire rimane quello di recuperare questi beni artistici, nel totale rispetto del panorama culturale pugliese, affiancando a lavori di restyling anche progetti di fruizione che ne garantiscano l’utilizzo.

Ecco perché il sant’Anna diverrà il luogo ideale per l’ascolto e la diffusione della musica sacra e liturgica, con l’apertura al pubblico di spazi finora rimasti inaccessibili. Per restituire così alla città un’altra delle proprie bellezze nascoste.