L’Arma apre per una mattina il suo scrigno naturalistico: la riserva biogenetica di San Cataldo

La campagna “Riserva Amica”, a livello nazionale, organizzata dai carabinieri forestali. Nella marina leccese, un’area di 26 ettari con tre piante in via di estinzione

4368

Nel cuore di San Cataldo, apre le porte in via eccezionale la Riserva Biogenetica “San Cataldo”, un vero e proprio “tesoro verde” a due passi dal mare. L’area di ben 28 ettari si apre al pubblico in occasione della prima edizione di “RiservAmica”, Festa nazionale organizzata dal Corpo forestale dello Stato in tutta Italia domenica 12 maggio.

La Riserva, normalmente inaccessibile, si estende lungo il litorale adriatico di San Cataldo, sulla costa a cavallo tra Lecce e Vernole, alle spalle degli stabilimenti che vanno da Lido York fino al bar Carmelina.

L’obiettivo dell’iniziativa è far conoscere e amare le aree naturali protette, gestite dal Corpo forestale, che rappresentano uno scrigno di biodiversità, ambiente e cultura. L’esposizione del bosco, caratterizzata dalla vicinanza del mare e accompagnata dai forti venti di tramontana e scirocco, il basso impatto antropico dovuto all’istituzione dell’area protetta nonché una serie di incendi verificatosi agli inizi degli anni ’80, hanno diversificato l’aspetto della Riserva di San Cataldo che presenta habitat molto vari: dalla pineta artificiale piantata dall’uomo a quella naturale, dalla macchia mediterranea con prevalenza di corbezzolo, lentisco e mirto fino agli specchi d’acqua frutto dei lavori di bonifica, dal querceto di leccio fino agli estesi popolamenti di eucalipto.

Per i partecipanti è organizzata un’escursione all’interno del bosco arricchita da attività di interpretazione della natura che coinvolgono la dimensione cognitiva, emotiva e pratica, per conoscere l’ambiente “con la testa, il cuore e le mani” e imparare a preservarne la flora e la fauna meglio di quanto ancora non si faccia.

Inoltre gli escursionisti alla fine del percorso ricevono la speciale tessera “Cercatori di Riserve”, un “passaporto” dove viene apposto un timbro come testimonianza del proprio passaggio nell’area naturalistica.

L’apertura della Riserva è prevista per le 10 e le escursioni partono alle 10.30, alle 12 e alle 14.30 con chiusura della giornata alle 16. Punto di incontro per la visita è il Posto Fisso del Corpo Forestale in viale Amerigo Vespucci a San Cataldo. L’ingresso è gratuito, previa prenotazione ai numeri: 0832/650009, 340/0595070.