Fuoco in via Cavallotti, incendiati gli ombrelloni del Molly Malone: incastrato il piromane

Ad agire un uomo di 34 anni che ha usato del liquido infiammabile ed è fuggito: nel pomeriggio il ritrovamento dell’autore, che è ora indagato.

5061

È stato individuato e arrestato il soggetto che ha provato ad appiccare il fuoco ad ombrelloni e portone d’ingresso del Molly Malone, storico pub di via Cavallotti. A fermarlo gli agenti della polizia della Questura, coadiuvati da personale della Scientifica.

Dopo l’atto intimidatorio, avvenuto questa mattina attorno alle 11 con modalità insolite, in una strada molto trafficata sotto gli occhi di decine di passanti e automobilisti, sono stati ascoltati i testimoni che hanno indicato la fuga dell’autore verso via 95° Reggimento Fanteria.

Le testimonianze hanno fatto subito sospettare che si trattasse del gesto isolato di un piromane e non di un avvertimento di tipo criminale. Mentre intervenivano i vigili del fuoco per spegnere le fiamme, i poliziotti si dirigevano nella direzione indicata dai presenti e notavano un uomo che inseguiva un’altra persona che, salita in un’auto, si allontanava.

Sentito l’uomo che aveva inseguito l’individuo fuggito in auto, si acquisiva la prova che quest’ultimo fosse effettivamente colui che aveva appiccato il fuoco. Si acquisivano, inoltre, le immagini da una telecamera di un esercizio poco distante, la cui visione confermava, ulteriormente, l’identità del responsabile e la targa della sua autovettura, usata anche per la fuga.

Gli agenti individuavano dalla descrizione e dalla targa l’autore dell’incendio e lo identificavano: si tratta di C. A., 34enne leccese, del quale si ponevano immediatamente alla ricerca fino a quando, nelle prime ore del pomeriggio, una volante lo incrociava a bordo della sua auto poco distante dall’abitazione di residenza.

All’interno della vettura venivano trovati una bottiglia d’acqua piena di liquido infiammabile, un accendino ed un giubbotto identico a quello ripreso dalla telecamera. All’invito degli agenti di seguirli in Questura, il fermato cercava di a darsi alla fuga, opponendo resistenza e procurando agli operatori lievi lesioni ed escoriazioni. L’uomo veniva arrestato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale ed indagato per incendio doloso. Si cerca di capire se l’arrestato sia l’autore di altri incendi avvenuti di recente con le stesse modalità.