I Dirigenti Scolastici Vietano il Circo ai Bambini: “Non è Educativo Vedere Animali Sottomessi”

3794

Sicuramente far conoscere le varie specie animali ai bambini può essere senza ombra di dubbio un’importante esperienza formativa, ma lo è anche assistere agli spettacoli circensi che prevedono nei loro numeri l’esibizione di animali opportunamente addestrati?

All’inizio del mese di Marzo alcune scuole di Torino avrebbero rifiutato degli ingressi gratuiti offerti da un’organizzazione circense. Il motivo appare chiaro: l’istituto non era intenzionato a far assistere ai bambini uno spettacolo dove gli animali fossero costretti e sottomessi. Ma riguardo a questa vicenda si hanno ora ulteriori sviluppi.

Il circo, oltre al rifiuto delle scuole di Torino, ora ha anche il dissenso in Toscana, più precisamente a Lucca dove una delibera blocca lo svolgimento di spettacoli viaggianti o circensi che prevedano l’uso di animali. Il circo Medrano gestito da Leonida srl ha fatto ricorso contro questa delibera, ma la sentenza del Tar della Toscana l’ha rigettato.

L’associazione animalisti italiani ha dichiarato che questa è in assoluto la prima volta che in Italia un tribunale ha rigettato il ricorso di un circo, l’associazione è quindi senza ombra di dubbio soddisfatta di come si è evoluta la vicenda.

Per il Tar è stato inammissibile il ricorso. L’attività circense sarebbe svolta al piazzale don Baroni di Lucca e sarebbe iniziata il 22 Marzo per poi concludersi il 2 di Aprile. Con la decisione del Tar invece viene confermata la delibera di giunta del 21 Febbraio 2017. Inoltre la società Leonida srl dovrà pagare 2.000€ per le spese legali.

Claudia Corsini, dell’associazione Animalisti Italiani, ha commentato quanto accaduto: “Oggi per tutti noi è una giornata memorabile: mai in Italia si era riusciti a far rispettare una delibera comunale in cui era previsto il divieto di attendamento da parte di circhi che utilizzano animali al loro interno. Sempre più persone sanno che gli animali sono essere senzienti, in grado di amare e di soffrire, proprio come noi. Ci sono poi importanti studi psicologici che dimostrano come il circo comprometta la crescita dei bambini poiché abitua alla sopraffazione. È fondamentale che i genitori e le scuole spieghino cosa c’è dietro questo falso divertimento”.