Callisto Gramophone, il grammofono del futuro

1140

callisto gramophone

Ha il design di un “grammofono del futuro” ed è una grande invenzione: si chiama “Callisto Gramophone” e viene da Manduria. Si tratta di un amplificatore per smartphone con due caratteristiche importantissime che la rendono un’invenzione davvero innovativa: non c’è bisogno di alcuna alimentazione elettrica e raggiunge una potenza di 30dB. E ha un design moderno, che ricorda una via di mezzo tra un grammofono e un fiore.

L’idea è nata dal musicista manduriano Dario Pinelli, che dopo aver maturato l’idea per circa un anno, ha riunito un team composto da Zaira Attianese, anche lei di Manduria, Fernando Massa e Ornella Sabato, entrambi di Nardò.

Il quartetto ha sperimentato un nuovo tipo di gomma siliconica, in grado di isolare le frequenze in uscita e di permettere a quelle in entrata di raggiungere un eventuale microfono posto alla fonte. Callisto non ha l’effetto imbuto del grammofono  ma tira fuori le frequenze non percepibili alla fonte, equalizzandole meccanicamente, senza bisogno della corrente elettrica né di nessun altro tipo di fonte energetica. Una grande invenzione che potrebbe essere il primo passo verso la creazione di macro impianti hi-fi a bassissimo assorbimento.