Buona Scuola: Emiliano incontra delegazione di insegnanti

307

Michele_Emiliano

Dopo anni di precariato erano stati finalmente assunti, ma ora si trovano a protestare contro la mobilità fuori regione. Una delegazione di insegnanti neoassunti è stata ricevuta dal Presidente Emiliano e dall’assessore all’Istruzione Sebastiano Leo. I docenti, assunti dopo i provvedimenti della “Buona Scuola”, sono costretti a trasferimenti in scuole del Nord pena la rinuncia al posto di lavoro, pur dopo anni di precariato. “L’anno scorso – ha detto Emiliano davanti alla sede del Consiglio regionale – avevamo previsto ampiamente quello che si sta determinando nei confronti dei nostri principali collaboratori, che per molti anni hanno consentito di far funzionare la scuola italiana sebbene non garantiti”.

Poi Emiliano prosegue affermando che la regolarizzazione degli insegnanti non si poteva effettuare solo con il concorso,  e che la forza lavoro si può riorganizzare e deve ricevere delle compensazioni. Come accade con il personale delle forze dell’ordine, che quando subisce dei trasferimenti riceve  delle indennità, come  i trattamenti economici di missione: “Già  l’anno scorso – prosegue Emiliano – avevo detto di essere disponibile come Regione a dare una mano, ma invece mi hanno detto che il fenomeno non esisteva o che riguardava pochissimi. Voi invece siete qui e ora sono in attesa di sapere se anche quest’anno mi sarei sbagliato e voi siete tutti finti, tutti delle comparse. Sulla questione ho bisogno di parlare anche col sindacato e parleremo anche con la direzione scolastica regionale per cercare di fare il miracolo dell’anno scorso, quando in molti sono rimasti qui”.

Anche l’assessore all’Istruzione, Sebastiano Leo, è intervenuto e ha confermato che “Mercoledì prossimo, in conferenza delle Regioni ci incontreremo con gli assessori delle regioni coinvolte dalla “Buona Scuola”. E decideremo se portare la questione alla Stato- Regioni o chiedere un incontro al Ministro”.