Assalti ai bancomat con esplosivo, arresti

262

 © ANSA

BARI, 13 NOV – I carabinieri del Comando Provinciale di Bari, supportati da un elicottero dell’6° Elinucleo, hanno eseguito quattro ordinanze di custodia cautelare (due delle quali in carcere e due ai domiciliari), emesse dal gip del Tribunale di Trani nei confronti di presunti responsabili, in concorso tra loro, di detenzione e occultamento di armi e congegni esplosivi utilizzati per compiere assalti armati ai bancomat delle banche. A capo della banda – secondo quanto emerso dalle indagini – c’era un pregiudicato del luogo, Vincenzo Di Bisceglie, detto “Marcddin”, che è stato arrestato.
Le misure cautelari scaturiscono da un’indagine avviata nel maggio 2017 dai carabinieri della Compagnia di Andria, a seguito della preoccupante escalation dell’incidenza degli assalti ai bancomat degli istituti di credito, mediante l’esplosione di ordigni rudimentali, realizzati in serie e chiamati, nel lessico criminale, ‘marmotte’.