Viale Risorgimento, terribile scontro nella notte tra auto e moto: due fratelli feriti

L’incidente attorno alle mezzanotte con il coinvolgimento di due mezzi: due fratelli in codice rosso al Fazzi.

3699

Terribile scontro in città: due fratelli accompagnati d’urgenza in ospedale, con gravi ferite anche alla testa e al volto. L’ennesimo sinistro, tra una moto Honda 500 e un’auto, si è verificato intorno a mezzanotte su viale Risorgimento, nei pressi di un hotel e dell’uscita per la statale 613. Ad avere la peggio, i due passeggeri a bordo del mezzo a due ruote: S.R.D., 25enne leccese e il fratello, T.D., di 16 anni. Stando alla prima ricostruzione, ancora tutta da verificare, la Renault Megane, condotta da un leccese di 37 anni, avrebbe svoltato verso sinistra, imboccando via Vecchia Surbo. A quel punto lo scontro con i centauri i quali procedevano sul viale, in direzione della strada statale.

L’urto, violento, ha sbalzato di sella i passeggeri della moto, scaraventandoli sul manto stradale. Immediati i soccorsi, prestati anche dai passanti e dallo stesso conducente. Una volta giunti gli operatori del 118, è partita per entrambi la corsa in ospedale in codice rosso. Arrivati al pronto soccorso del “Vito Fazzi”, i due sono stati medicati e sottoposti agli esami clinici per verificare l’entità delle lesioni ed eventuali conseguenze agli organi. Entrambi sono stati trovati con gravi ferite alla testa, al viso e al bacino, tanto da essere ricoverati in prognosi riservata, per monitorarne il quadro di salute generale. Escoriazioni, invece, per l’automobilista.

Quest’ultimo è stato invece invitato ad eseguire i test alcolemici e quelli per verificare l’eventuale assunzione di sostanze stupefacenti, come previsto dalla legge in casi analoghi. Sul posto, per eseguire i rilievi, ricostruire la dinamica e accertare le responsabilità, gli agenti di polizia locale di Lecce. I due mezzi sono stati sequestrati e, in attesa dell’esito dei test eseguiti dal conducente, gli inquirenti hanno informato dell’accaduto la Procura della Repubblica. Al sopralluogo hanno anche preso parte i carabinieri, i quali hanno fornito supporto nella gestione della viabilità e messa in sicurezza del tratto stradale, punto nevralgico del traffico cittadino.