Vede gli agenti e getta le dosi di cocaina, in manette 27enne ugentino

Gli agenti hanno effettuato anche una perquisizione presso l’abitazione dell’arrestato, in un cassetto, c’era la somma di 1.820 euro.

10

Continua l’ondata di arresti delle forze dell’ordine in operazioni a contrasto dello spaccio di cocaina. Con due diverse operazioni, i carabinieri di stazioni dipendenti dalla compagnia di Maglie e gli agenti di polizia del commissariato di Taurisano, hanno fermato altrettanti soggetti che avevano diverse dosi di stupefacenti addosso. E in casa, soldi in contanti. Un fiume di soldi.

Droga e quasi 9mila e 700 euro

Tanti, quasi 9mila e 700 euro in banconote di vario taglio, quelli che i carabinieri hanno trovato nell’abitazione di Salvatore Accogli, un 47enne di Scorrano. Qui, però, vi sono arrivati in un secondo momento. Accogli, infatti, è stato fermato dai carabinieri delle stazioni di Nociglia e Poggiardo, nel corso di uno specifico a contrasto dello spaccio di stupefacenti, mentre si trovava in trasferta nella vicina Botrugno.

In particolare, l’hanno bloccato davanti a un bar. Perquisito, aveva ben trentasei dosi di cocaina, per 15 grammi, più un involucro contenente 0,6 grammi di hashish e un altro con 1,3 di marijuana. In casa, poi, i militari hanno rinvenuto la cospicua somma di 9mila 685 euro. Ritenuta possibile entrata derivante dallo spaccio, è finita sotto sequestro con la droga.

Cocaina e altri mille e 800 euro

Oltre agli uomini facenti capo alla compagnia dei carabinieri diretta dal capitano Giorgio Antonielli, anche gli agenti di polizia del commissariato taurisanese, comandati dal vicequestore Salvatore Federico, hanno fermato un giovane, con l’accusa di essere a sua volta un pusher di cocaina. Si tratta di Radames Trianni, un 27enne di Ugento.

L’arresto è scaturito da una perlustrazione degli agenti di una volante, sin dalle prime ore del pomeriggio di ieri. I poliziotti, a un certo punto, hanno notato un giovane a piedi, che ha tentato di defilarsi e di nascondere un oggetto di plastica.

La mossa è apparsa più che sospetta e non è sfuggita agli occhi dei poliziotti, che hanno fermato Trianni, identificandolo, e recuperando l’oggetto buttato per terra poco prima. Era un pacchetto contenente diciotto involucri di cocaina, confezionati in cellophane bianco termosaldato. Anche in questo caso, la perquisizione s’è estesa in casa. E anche qui, sono spuntati i soldi. In un cassetto, c’erano mille e 820, probabile provento della cessione.