In vacanza a Otranto con la famiglia, picchia la moglie e minaccia di ucciderla. Nei guai 37enne campano

In evidente stato di alterazione psicofisica ha picchiato con violenza la moglie, minacciando di ucciderla. Un 37enne di Nocera inferiore è finito nei guai. Si trovava in vacanza a Otranto con la famiglia.

6132

La vacanza in Salento si è trasformata in un incubo per una donna, picchiata con violenza dal marito che, oltre ad alzare le mani davanti ai figli piccoli, ha pure fatto la voce grossa, minacciando di ucciderla. Questa volta, è la Baia dei Turchi a fare da teatro a questa brutta pagina di violenza, su cui è stata scritta la parola fine solo grazie all’intervento dei carabinieri della stazione di Otranto. L’uomo, un 37enne campano di Nocera Inferiore (provincia di Salerno) è stato deferito in stato di libertà al termine degli accertamenti. L’accusa contestata è quella di maltrattamenti in famiglia. 

La coppia stava trascorrendo alcuni giorni di villeggiatura insieme ai due figli minori, all’interno di un agriturismo a pochi passi dalla Baia dei Turchi ed è lì che sono intervenuti i carabinieri del posto. La situazione che hanno trovato era delicata: il 37enne, in evidente stato di alterazione psicofisica stava massacrando di botte la moglie, non nascondendole i suoi propositi omicidi. L’uomo, viste le sue condizioni, è stato accompagnato da un’ambulanza del 118 all’ospedale di Scorrano, dove è stato ricoverato.

Non era la prima volta

L’indole cattiva del 37enne si era già manifestata in passato. Anzi, come hanno appurato i carabinieri, da circa due anni la donna era costretta a convivere con le minacce, le aggressioni verbali e fisiche e i maltrattamenti continui. La poveretta ha fatto le valigie ed è andata via insieme ai figli piccoli, si spera in un posto sicuro.

L’Autorità Giudiziaria è stata informata dell’accaduto dai carabinieri della stazione di Otranto.