Ugento, incendi continui nella stessa area: parte l’esposto di Angelo Minenna.

24483

UGENTO – Un esposto alla Procura della Repubblica per denunciare l’incendio a Porchiano – Cupelle, in agro di Ugento, e soprattutto come la zona sia da almeno dieci anni sottoposta al flagello del fuoco: a sollecitare un intervento e l’attenzione dell’autorità è il consigliere comunale di minoranza, Angelo Minenna, dopo l’ultimo episodio, consumatosi il 10 luglio e sventato dai volontari della locale Protezione Civile.

Due ettari di sterpaglia sono andate a fuoco in quelle zone e, seppur trovandosi alla periferia della città, hanno minacciato le case e gli abitanti di tutta quanta via Salvatore Congedi, in pieno abitato. Minenna sottolinea come nella zona insistono diverse proprietà, molte delle quali non hanno provveduto agli obblighi prescritti dalle recenti ordinanze sindacali in materia di incendi, né alla manutenzione delle relative pertinenze agricole.

“A ciò – scrive -, si aggiunge la mancata osservanza dello sfalcio delle erbacce, ormai seccate, o alla potatura di alberi costituenti un forte combustibile per ogni tipo di incendio, intenzionale o meno. In ultimo, c’è da evidenziare la circostanza, ormai ciclica (come peraltro sopra ribadito) che tutti gli anni, sempre nel periodo estivo, vadano a fuoco sempre gli stessi terreni e le stesse summenzionate contrade”.

Nella stagione corrente, per due volte consecutive a distanza di pochi giorni, il 5 e 6 luglio, la Protezione Civile di Ugento era già intervenuta nelle suddette zone per domare un incendio di vaste proporzioni, che rischiava, ancora una volta, di minacciare case e cittadini ugentini.

Minenna chiede pertanto di ravvisare e verificare le cause delle “incresciose e delittuose circostanze” e di “procedere ad accertare eventuali responsabilità” inerenti all’incendio doloso e di essere informato presso il proprio indirizzo in caso di archiviazione dell’esposto: “Altresì – puntualizza -, mi riservo la facoltà di costituirmi parte civile nell’eventuale procedimento penale a cui il presente esposto darà ragione”.