Tensione durante il festival musicale, buttafuori accoltellato

L'episodio nella notte durante il concerto al Gallipoli Resort. Denunciato l'aggressore.

4589

Un addetto alla sicurezza accoltellato, l’aggressore stesso ricoverato con lesioni, ma anche un arresto per spaccio. Tutto in un’unica, folle notte, nello spazio dedicato agli eventi del Gallipoli Resort, sulla strada provinciale 52 per Sannicola.

Il complesso sta ospitando in questo periodo “Il Grido Festival” e nella notte, per l’inaugurazione, c’erano la dj e cantante russa Nina Kraviz e il dj Skizzo. Uno degli appuntamenti più attesi di quest’estate, in cui, per la mancata apertura de “Le Cave”*, diverse date già previste nel cartellone estivo sono ospitate in altre strutture della zona. Ma è stata una notte che non è filata del tutto liscia, per via di due episodi distinti, che si sono quasi accavallati, e che hanno visto l’intervento prima dei carabinieri della compagnia di Gallipoli e, in un secondo momento, degli agenti di polizia del commissariato locale.

Addetto alla sicurezza accoltellato

Il caso per certi versi più grave è quello che riguarda l’accoltellamento. Una vicenda molto concitata per la quale le ricostruzioni sono al momento ancora in corso. Protagonisti principali della vicenda sono A.L., un 24enne gallipolino e un addetto alla sicurezza 42enne di Maruggio. Tutto è avvenuto attorno all’una di notte e i motivi per cui s’è verificato l’attrito non sono ancora del tutto chiariti: si presume che il giovane stesse creando problemi e che quindi vi sia stata necessità di allontanarlo dalla struttura.

Ma, ancora in queste ore, i militari comandati dal capitano Francesco Battaglia stanno ascoltando testimonianze per fare luce. Anche perché, se è vero che l’addetto ha subito una pericolosa coltellata alla scapola sinistra, con un taglio piuttosto profondo (sebbene la prognosi sia stata meno infausta di quanto temuto all’inizio: dieci giorni), è vero anche che il 24enne, in una fase ancora in via di ricostruzione, è stato a sua volta ferito, riportando un violento colpo alla nuca.

Entrambi sono stati soccorsi dal 118 e trasportati presso l’ospedale “Sacro Cuore di Gesù” di Gallipoli, dove il 24enne è tuttora ricoverato con una prognosi di venti giorni. Il personale sanitario ha poi avvisato i carabinieri, che hanno avviato gli accertamenti. Al momento non ci sono stati arresti; l’accoltellatore è stato comunque deferito alla Procura di Lecce. I carabinieri, durante un sopralluogo, hanno anche recuperato un coltello. Si tratta, però, di un comune coltello da cucina e permane qualche dubbio sul fatto che possa essere stata l’arma realmente usata nell’occasione.

Un arresto per spaccio di droga

Ma l’aggressione all’addetto non è stata l’unica situazione scottante della nottata. Poco dopo, infatti, sul posto sono intervenuti anche gli agenti di polizia del commissariato locale. Gli uonini diretti dal vicequestore aggiunto Marta De Bellis si sono recati nel Gallipoli Resort per un sopralluogo dettato da motivi di ordine pubblico, e quindi per verificare che tutto fosse in regola. E’ stato in questo frangente che i poliziotti si sono imbattuti in una loro recente conoscenza: Pasquale De Stefano, napoletano, 19enne.

De Stefano è uno dei due giovani fermati appena la notte precedente nella zona della Baia Verde. Entrambi erano stati denunciati per spaccio, con tanto di proposta di foglio di via da Gallipoli. I poliziotti avevano rinvenuto nell’occasione eroina e sostanze sintetiche. Ma il pm di turno non aveva proceduto all’arresto. Irriducibile, nella notte il 19enne notte si è così presentato al festival dove, a quanto pare, aveva ripreso a spacciare. I poliziotti hanno rinvenuto e sequestrato ketamina e md. E questa volta, non è sfuggito all’arresto.

In particolare, il 19enne è stato notato in una zona poco illuminata del locale mentre consegnava nelle mani di un altro ragazzo un pezzo di carta. La cosa è parsa molto sospetta e, controllato, addosso al 19enne campano, gli agenti hanno trovato diciannove alri involucri  di carta con all’interno 11,80 grammi di ketamina e quattro bustine di cellophane termosaldate per 1,25 grammi con md. Gli è stata sequestrata anche la somma di  205 euro. E non è tutto. La notte gallipolina è stata particolarmente agitata anche per via di una rissa scoppiata, in questo caso, dentro la discoteca Praja (ne riferiamo a parte). Anche in questo caso le indagini sono in corso.