Sciopero dei medici, stop a visite: adesione all’80% ma non si registrano disagi

I medici incrociano le braccia per lo sciopero generale, manifestando sotto la sede della Regione Puglia.

2


Un’adesione superiore all’80% e una partecipata manifestazione sotto la sede della Regione per i medici pugliesi che hanno partecipato allo sciopero nazionale indetto per la giornata di oggi. Chiedono più fondi per il Servizio Sanitario Nazionale e il rinnovo del contratto di categoria, fermo ormai da dieci anni e la cancellazione del blocco della spesa per il personale che blocca le assunzioni. 
La mobilitazione ha coinvolto medici, veterinari e dirigenti sanitari con il rinvio di circa 40.000 interventi chirurgici e di centinaia di migliaia di visite specialistiche e prestazioni diagnostiche a livello nazionale. Anche negli ospedali salentini alcune prestazioni mediche sono state rincviate anche se, fanno sapere dalla Asl di Lecce, non è stato registrato alcun disaagio particolare da parte degli utenti. 
Le prestazioni sanitarie urgenti sono state infatti garantite come prescrive la legge. Soddisfatto il segretario pugliese del sindacato Anaoo: “L’adesione allo sciopero e alla manifestazione è stata notevole: tanti medici da tutte le province si sono ritrovati a Bari per far sentire la loro voce. Lo facciamo per difendere i diritti della categoria ma anche per i pazienti che sono i nostri veri datori di lavoro e i nostri alleati in questa battaglia”.