Una scienziata salentina guiderà 4 giorni di approfondimento sulle onde gravitazionali

Paola Leaci, giovane ricercatrice presso l’Università La Sapienza di Roma, ha organizzato una conferenza in città, dal 4 al 7 giugno, per addetti ai lavori

4434

E’ ormai conosciuta nel Salento per aver lavorato nel team che ha fatto la scoperta del secolo, destinata a rivoluzionare il mondo della scienza. Ora sarà proprio lei, Paola Leaci, la 35enne ricercatrice originaria di Novoli tra gli artefici della scoperta delle Onde gravitazionali, a parlare del suo lavoro e della sua esperienza nell’ambito di un incontro che si terrà sabato 5 marzo alle 19 nel palazzo municipale di Sternatia.

L’evento, il primo della rassegna “marzo rosa”, organizzato dal Comune di Sternatia e dall’Associazione Libera Polis in collaborazione con l’Associazione UP, sarà l’occasione per celebrare la ricercatrice divenuta l’orgoglio del Salento. Nell’incontro Paola Leaci  spiegherà al pubblico come la scoperta effettuata conferma l’intuizione di Albert Einstein, ipotizzata dal grande fisico nel 1916, e perché questa è fondamentale per il futuro.

“Siamo davvero felici di ospitare Paola Leaci nel mese dedicato alle donne perché lei oggi rappresenta la grande forza e la determinazione di una ricercatrice del Sud che ha raggiunto uno straordinario traguardo. Un esempio per tutti i giovani” ha dichiarato il sindaco di Sternatia Massimo Manera.

La conversazione con la ricercatrice, condotta dal giornalista Danilo Siciliano, servirà a conoscere meglio la donna del Salento che si confronta con il mondo della fisica ma anche per capire quali siano le implicazioni di carattere astrofisico, tecnologico e pratico della scoperta. “La scoperta delle Onde Gravitazionali rappresenta un modo nuovo di osservare ed ascoltare l’universo. Ecco perché abbiamo voluto che fosse Paola Leaci a raccontare al pubblico quali scenari si aprono nel mondo della ricerca e dell’impresa” ha dichiarato Maurizio Pinna, presidente dell’associazione Libera Polis.