Rissa sul viale dell’Università, una decina di persone coinvolte: interviene la Polizia

L’episodio nella serata di ieri: una macchina danneggiata e traffico bloccato per alcune decine di minuti.

6

Una rissa che ha coinvolto più soggetti, è scoppiata nella serata di ieri, attorno alle 21, su viale dell’Università, nei pressi di Porta Rudiae. Si presume che i coinvolti, in numero difficile da stabilire, fossero tutti stranieri. Questo, stando a quanto riferito da diversi testimoni che hanno ripreso alcuni dei momenti e postato video sui social. E ora sul caso sta indagando la polizia.

Sul posto, infatti, sono arrivate poco dopo due volanti della questura. Diverse sono state le telefonate al 113 per avvisare della baraonda in atto. I più fra i contendenti, però, come quasi sempre avviene, sembra che si siano volatilizzati appena hanno scorto i lampeggianti delle auto di servizio.

In decine hanno assistito alla scena

Visto l’orario, il giorno e il luogo, sabato sera d’estate, nei pressi di uno degli accessi principali del centro storico, in decine fra cittadini e turisti hanno assistito a quanto avvenuto. E più di qualcuno ha immortalato alcune delle convulse fasi, fra cui frequentatori abituali del gruppo su Facebook Vivere Lecce e Matteo Centonze, candidato sindaco alle ultime elezioni per Casapound. I loro video stanno facendo il giro del web fin da ieri sera e in rete si sta scatenando un dibattito molto animato.

A farne le spese, a quanto pare, un’autovettura. Diverse O-bike ne sono uscite a loro volta danneggiate, visto che, peraltro, sono state usate a mo’ di arma. Tramite le identificazioni di chi era sul posto e i testimoni, la questura spera di arrivare all’identificazione dei partecipanti alla rissa.

Non è certo la prima volta che si scatenano violenti parapiglia in una zona della città, proprio a cavallo fra centro storico e quartiere Rudiae-Ferrovia. Basti ricordare, di recente, i casi della vicina via Don Bosco, avvenuti a breve distanza l’uno dall’altro. Un inseguimento fra alcuni stranieri un accoltellamento, conclusosi di recente con una denuncia.

Giordano: “Situazione ormai intollerabile”

Insorge oggi Michele Giordano, capogruppo di Fratelli d’Italia al Consiglio comunale. “Ieri abbiamo assistito a una scena squalificante per una città d’arte e di cultura a vocazione turistica come Lecce: sul viale dell’Università, di fronte a Porta Rudiae, commercianti e passanti sono rimasti impauriti e basiti davanti a una maxi rissa tra gruppi di extracomunitari”.

“Questi gruppi violenti hanno trasformato un luogo dove famiglie e turisti passeggiano in un campo di battaglia dove regolare i conti a suon di bottiglie rotte, calci, pugni e biciclette prese di peso e scagliate sugli avversari. Per fortuna nessuno aveva un coltello con sé, altrimenti avremmo rischiato pure il morto. È venuta l’ora di dire basta”, tuona. “Non è il primo scontro tra gruppi di migranti. Nella zona di San Pio e in quella della stazione esiste un’emergenza sicurezza: ho più volte spiegato che bisogna presidiare di più quelle aree e impedire ad alcuni alimentari gestiti da stranieri, che restano aperti pure la notte, di vendere alcol a buon mercato”.

Chiesto una vertice in prefettura

Giordano non si aspetta solo che le indagini della polizia approdino all’identificazione degli autori, ma anche che si muova anche la politica. “La città non può permettersi di trasformare alcuni quartieri in ghetti dove alcune gang si affrontano spaventando decine di passanti e visitatori”. E ancora: “È necessario che l’amministrazione di Lecce solleciti la prefettura per convocare un tavolo interistituzionale urgente: bisogna prendere subito provvedimenti nei confronti dei responsabili e agire con controlli e ordinanze che prevengano disordini di questo genere”.