In due assaltano ufficio postale, paura a Castromediano. Anziana ferita alla testa

Malviventi in azione nella mattinata di oggi negli uffici di via Sanzio.

3658

Violenta rapina, e momenti di terrore in mattinata, presso gli uffici postali di Castromediano di Cavallino. Due malviventi, passamontagna in testa e pistola in pugno, hanno fatto irruzione negli uffici di via Raffaello Sanzio, seminando il panico e ferendo una anziana 70enne alla testa. Uno ha scavalcato il banco, facendosi strada tra i presenti in fila. L’altro è entrato in un secondo momento e ha sbarrato il passo a chiunque tentasse di uscire, sorvegliando nel contempo l’esterno.

Una donna, in tutto ciò, è stata anche scaraventata sull’asfalto, tanto da restare ferita al volto: i due le hanno strappato la borsa, senza neppure preoccuparsi di eventuali, gravi ferite. Stesso trattamento è stato inoltre riservato agli altri malcapitati, immobilizzati dalla paura. Sono stati portati via borse e marsupi, per un bottino complessivo che potrà essere quantificato soltanto in una fase successiva. Il locale, al momento del colpo, era piuttosto affollato: oggi è infatti un giorno dedicato al pagamento delle pensioni ed erano presenti numerosi clienti anziani.“

Sul posto, subito dopo la rapina, i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Lecce per le indagini, in collaborazione con i colleghi della stazione di Cavallino. Per terra, sulla strada, c’era ancora la borsa della donna, dalla quale è fuoriuscito,  sfasciandosi, il cellulare. Accanto, un cappellino, che, secondo vari testimoni, era indossato da uno dei rapinatori. E’ stato necessario anche far sopraggiungere il 118, per prestare soccorso alla donna: diversi i malori accusati per il forte spavento, anche dovuto all’età degli sfortunati cittadini che, proprio oggi, si sono recati in posta.

La donna ferita, trasportata in codice giallo presso l’ospedale “Vito Fazzi” del capoluogo salentino, ha riportato un trauma cranico, ma non è in pericolo di vita. E’ caccia, intanto, alla Fiat Uno, con la targa rubata da un deposito del municipio di Vernole i primi giorni di luglio e utilizzata dai balordi per raggiungere il luogo prescelto per la rapina. Posti di blocco sono stati allestiti in città e in prossimità degli svincoli della vicina