Carroponte per recuperare barche distrutte si rovescia sul fianco: paura per il conducente

L’incidente a Porto Cesareo, mentre il mezzo si dirigeva a recuperare le imbarcazioni distrutte dal vento.

17

Da circa 24 ore soffiano forti raffiche di Scirocco sul Salento. Oltre al vento, dal pomeriggio di domenica, ci si è messa anche la pioggia. Come in ogni ondata di maltempo, i primi a subirne le conseguenze sono quasi sempre gli alberi. In città, infatti, i vigili del fuoco hanno eseguito diversi interventi per recidere porzioni di arbusti rimaste sospese o per rimuovere grossi rami dalla strada. In un caso, fra Santa Rosa e il rione Salesiani, in via Bormida, gli operatori del 115 e gli agenti di polizia locale sono intervenuti per mettere in sicurezza il tratto stradale, costeggiato da diverse piante. In una delle aiuole poste sui marciapiedi, è semi crollato un arbusto, fortunatamente senza ferire nessun passante.

Ma i danni principali, tra cui allagamenti, cassonetti e gazebo volati via, sono stati registrati sul versante ionico, tra le marine neretine e la provincia di Taranto. A Porto Cesareo, le raffiche di vento hanno distrutto o danneggiato gravemente diverse imbarcazioni ormeggiate. Si parla di conseguenze per svariate migliaia di euro: i natanti sono stati infatti sballottolati dallo Scirocco, fino  a sgretolarsi.

E non è tutto. Nel corso della mattinata, infatti, quando un mezzo pesante dotato di gru ha raggiunto il punto in cui avrebbe dovuto rimuovere la “carcassa” della barca, il ponticello di un canale che costeggia la via ha ceduto e il veicolo si è ribaltato. Il carroponte, di proprietà de La Folgore, ha rimediato dei danni soprattutto sulla fiancata. Fortunatamente, nessuna conseguenza fisica per il conducente, nonostante i notevoli rischi che ha sfiorato. E’ stato soccorso dalla polizia locale di Porto Cesareo impegnata, in queste ore, in più punti del comune.  Disagi e richieste di soccorso anche dal litorale più a sud: a Santa Maria di Leuca, per esempio, i pompieri sono intervenuti per spostare due imbarcazioni completamente piene d’acqua.