Carenza di personale nei pronto soccorso, allarme di Fsi-Usae

Il segretario Francesco Perrone ha scritto ai vertici della Asl: disagi a personale e utenti.

3255

Allarme pronto soccorso, nella ASL di Lecce c’è carenza di personale. L’allarme arriva dal segretario di Fsi-Usae Francesco Perrone. “Nel periodo estivo scontano una carenza importante di personale a causa di piano ferie e scarse risorse sanitarie non assegnate in tempo. Un problema che si ripete anno dopo anno quello dei pronto soccorso leccesi che, a causa dei piani delle ferie e della scarsità di personale si trovano a dover affrontare un’estate bollente

E’ un dato che emerge dopo un confronto con alcune realtà del territorio leccese: da qualche anno nel periodo dal 15 giugno al 15 settembre c’è carenza di personale in relazione alla massa di pazienti che si recano presso le strutture sanitarie con conseguenze molto negative sul servizio, un enorme ed eccessivo carico di lavoro ricadente sugli infermieri e sui pochi operatori socio sanitari in servizio ma anche soprattutto al personale medico.

Il caldo e il sovraffollamento delle sale d’attesa degli ospedali, a causa dei continui rinvii e della lentezza nel servire i pazienti, portano a situazioni critiche all’interno delle complesse procedure previste. Le aggressioni al personale sanitario in estate avvengono molto più spesso di quanto non succeda in altri periodi dell’anno. I motivi sono molteplici e spesso complessi: dalla riduzione dei posti letto nei reparti, con la chiusura in piena canicola estiva di UU.OO. disattivate negli ospedali di Copertino e Galatina a causa del piano di riordino ospedaliero, al blocco del turnover. .

Le nostre proposte di individuare il personale infermieristico ed il personale operatore socio sanitario con contatti telefonici non sono state accolte, pertanto ci troviamo a tutt’oggi che occorre ancora far sottoscrivere un contratto a tempo determinato a 50 OSS ed almeno altri 10 infermieri”.