Auto ribaltata, donna ferita. E ora si cercano i suoi due cani scappati

Il sinistro nella tarda serata di venerdì sulla Leverano-Porto Cesareo. Ricoverata in prognosi riservata una 62enne di Lecce. Nella sua Panda c'erano anche un simil corso tigrato e una simil pinscher. L'Enpa si rivolge ai cittadini

13

E’ ferita, in prognosi riservata a causa di un trauma addominale, ma non rischia la vita, fortunatamente, I.S., una donna di 62 anni di Lecce che nella tarda serata di venerdì 2 novembre è rimasta coinvolta in un incidente stradale, a seguito del quale la sua auto, una Fiat Panda, s’è ribaltata.

Ora, da un letto di ospedale, sta però attendendo notizie sui due suoi cani. Erano in auto con lei e, dopo lo spaventoso capovolgimento, si sono fiondati verso l’esterno e si sono dispersi nelle campagne. Sono Totò, un simil corso tigrato, e Jenny, una simil pinscher. Le ricerche sono ancora in atto, coordinate dalle guardie zoofile dell’Enpa di Lecce, in collaborazione con la sezione di Copertino.

L’incidente sulla Leverano-Porto Cesareo

L’incidente è avvenuto attorno alle 22,45 di venerdì sulla strada provinciale Leverano-Porto Cesareo, all’altezza circa di Masseria Gentile, non lontano dal distributore di carburanti Energy. La donna era alla guida di una Panda che, per cause in fase d’accertamento da parte dei carabinieri del Nucleo operativo radiomobile di Campi Salentina, è stata tamponata da un altro veicolo condotto da una giovane di Leverano, rimasta illesa.

L’urto è stato molto violento. La Panda è uscita fuori strada, ha abbattuto un muretto a secco, per poi rientrare in carreggiata, capovolgendosi. La malcapitata è rimasta incastrata all’interno ed è stata soccorsa dai vigili del fuoco del distaccamento di Veglie e dagli operatori del 118 di Campi Salentina, e trasportata al “Vito Fazzi” di Lecce.

I numeri da contattare in caso di avvistamento

E intanto, proseguono le ricerche dei cani, sicuramente sotto choc e probabilmente ancora in quella zona. L’Enpa, che si è attivato fin dalla sera dell’incidente, lancia un appello ai cittadini: chiunque dovesse vederli può contattare l’ente ai seguenti numeri: 3280634227 o 3299778882.