Armati assaltano ufficio postale a Squinzano: ennesimo colpo in pochi giorni

Il colpo è stato messo a segno da due soggetti col volto coperto e armati di una pistola che hanno fatto irruzione nell’ufficio postale di Squinzano arraffando il denaro e fuggendo via.

3554

E fanno quattro. Quattro rapine a uffici postali del Salento nel giro di una settimana. Se non è allarme rosso, poco ci manca. La sequenza, di certo, è impressionante, e il dato che sembra emergere è che ad agire potrebbero essere state persone in qualche caso diverse. Non un’unica banda, dunque, ma più soggetti che non si conoscono fra loro. Lo indicano le località – alcune molto distanti fra loro – e le modalità.

L’ultima rapina risale alla tarda mattinata di oggi ed è avvenuta a Squinzano, nell’ufficio postale di via Giosuè Carducci. Erano le 12,45 circa quando, all’improvviso, due soggetti con i volti coperti, uno dei quali armato di pistola, hanno fatto irruzione all’interno. Sotto la minaccia dell’arma, si sono fatti consegnare il denaro nelle casse. Poi, hanno guadagnato l’uscita e sono fuggiti a bordo di uno scooter nero. Il bottino, a conti fatti, non è alto: ammonta a circa 500 euro. Sul posto, per le indagini, si sono recati i carabinieri della stazione di Squinzano e del Nucleo operativo della compagnia di Campi Salentina.

Gli altri tre colpi recenti

Proprio ieri pomeriggio si è verificata un’altra rapina a un ufficio postale, in quel caso a Taviano. Ad agire, un uomo solitario armato di fucile, atteso all’esterno da un complice. Forse, il soggetto che ha fatto irruzione a Taviano, è lo stesso che il 3 agosto ha eseguito, con modalità quasi identiche, un colpo nell’ufficio postale di Felline, frazione di Alliste. Mentre è di inizio mese il primo e, finora, più cruento assalto della serie, quello presso la sede di Castromediano, frazione Cavallino, dove è rimasta anche ferita una donna, strattonata con violenza. Due, in quel caso, i rapinatori, i quali hanno racimolato il bottino più grosso rispetto a tutti gli episodi successivi, considerando che hanno agito nel giorno di pagamento delle pensioni.