Addio al piccolo Alfie Evans. Il padre su Facebook: «Il mio piccolo gladiatore è volato via»

Il bimbo, affetto da una malattia neurodegenerativa sconosciuta, è deceduto alle 2:30 di notte, ora locale (le 3:30 in Italia) cinque giorni dopo che gli era stato staccato il respiratore. Il dolore dei genitori su Facebook: «Gli sono spuntate le ali, ed è volato via»

1702

LONDRA — Alfie non ce l’ha fatta a tornare a casa. Il piccolo di 23 mesi al centro di una battaglia legale ed emotiva che ha coinvolto il Papa e i governi è morto questa notte all’ospedale di Liverpool, dove era ricoverato da quasi un anno e mezzo perché affetto da una grave malattia neurologica degenerativa. L’annuncio è arrivato dai genitori su Facebook: «Il nostro bambino ha aperto le ali stanotte alle 2.30. Abbiamo il cuore spezzato. Grazie a tutti per il vostro sostegno», ha scritto la madre, Kate. «Il mio gladiatore ha posato lo scudo e si è guadagnato le ali. Abbiamo il cuore spezzato. Ti voglio bene ragazzo mio», il saluto del padre, Tom.

I cinque giorni senza respiratore

I genitori avevano ormai rinunciato alla speranza di portare Alfie in Italia, dove l’ospedale vaticano del Bambino Gesù si era detto pronto ad accoglierlo, e stavano trattando con i medici la possibilità di riportare il figlio a casa, nella consapevolezza che ormai non c’era più nulla da fare: lunedì ad Alfie era stato infatti staccato il ventilatore artificiale, dopo l’ultimo via libera dei giudici. Il piccolo aveva continuato a respirare da solo, ma giovedì, dopo aver perso anche l’ultimo appello, il padre aveva invitato i sostenitori a cessare la mobilitazione e a lasciare che la giovane famiglia trascorresse in pace gli ultimi momenti.

Il «miglior interesse» del bambino

È inevitabile che ora questo epilogo riapra le polemiche. Ma per la magistratura inglese, così come per i medici, ogni tentativo di prolungare artificialmente l’esistenza di Alfie era futile e contro il suo «miglior interesse». Al piccolo era stato infatti diagnosticato un danno cerebrale catastrofico ed irreversibile: la sua condizione non era curabile e non era possibile immaginare per lui alcun futuro, se non attaccato a una macchina in stato semi-vegetativo. Per questo i genitori, che chiedevano di portarlo in Italia, hanno perso in tutti i gradi di giudizio, fino alla Corte suprema, e si sono visti respingere anche dalla Corte europea per i diritti umani. Nella legislazione inglese, la patria potestà non è assoluta: la magistratura ha il compito di difendere gli interessi dei minori, anche contro la volontà dei genitori, e anche se ciò significa imporre il diritto a una fine dignitosa.